Per l'ottava edizione riconoscimenti a De Laurentis , Tony Maiello, Lina Sastri, "Un posto al sole " ed ai genitori di Angela Celentano

27.06.2010 20:47

 

  

Carditello, al confine con Casal di Principe, nel Casertano. Non è una scelta a caso quella dei magistrati dell'Associazione Culturale Nazionale Arycanda che saranno nella terra di “Gomorra” per premiare chi combatte contro l'immagine negativa della Campania, con la sua attività quotidiana: nello sport, nell'arte, nel cinema, nell'impegno civile. 

Aurelio De Laurentiis, Tony Maiello, Lina Sastri e la produzione di “Un Posto al Sole”. A Maria e Catello Celentano, genitori di Angela, una menzione speciale. Infine un riconoscimento a Vincenzo Galgano che tra poco lascerà la guida della Procura Generale di Napoli, dopo 40 anni in magistratura. Il suo impegno sul fronte anti abusivismo ha finalmente fatto emergere il problema del cemento illegale e pericoloso facendolo diventare caso nazionale.

Sono questi i nomi dell'edizione 2010 del Premio Nazionale Arycanda che si terrà nella Real Casa di Carditello giovedì 8 luglio alla presenza dell'Arcivescovo di Napoli Cardinale Crescenzio Sepe.

Ad assegnare i riconoscimenti, la giura composta tra gli altri dai massimi vertici giudiziari della Campania: Carlo Alemi, Lucio Di Pietro, Giandomenico Lepore, Arcibaldo Miller, Luigi Mastrominico, Franco Roberti, Giuseppe Maddalena, Ugo Ricciardi, Massimo Milone, Arturo Frojo e Antonio Di Rienzo. 

Sarà presente l'Ambasciatrice del Kuwait in Italia Manar Al-Sabah, figlia dell'emiro.

Dal palco, Sua Altezza Reale annuncerà un importante progetto promosso dall'Associazione Arycanda che riguarderà la magistratura italiana e quella kuwaitiana. 

 

“La Rai di Napoli va tutelata in questo momento di crisi ed abbiamo scelto “Un Posto al Sole” perché è il simbolo di una produzione, oltre 3mila puntate, che da anni offre lavoro a centinaia e centinaia di persone. Il Centro di Produzione va tutelato e premiato e certamente non depredato delle sue professionalità e del suo ruolo nevralgico nella comunicazione” così commenta il Premio l'avvocato Arturo Frojo Presidente di Arycanda.

 

“Tony Maiello, è un giovane della Campania, un'immagine fresca e pulita di un territorio solitamente noto per la cronaca. Con il suo impegno, con la sua passione e inseguendo il sogno, ha dato il meglio di sé trionfando al Festival della Canzone Italiana di Sanremo nella sezione Nuove Proposte. Il dovere di noi magistrati è anche sostenere i giovani nel raggiungimento dei loro obiettivi”. Lo dice Arcibaldo Miller capo degli ispettori del Ministero della Giustizia

 

“Lina Sastri, inconfondibile volto della migliore tradizione artistica partenopea. Spaziando dalla letteratura al canto, dal palco al grande schermo, è l'immagine viva e migliore di Napoli e del Mezzogiorno d'Italia. La sua interpretazione nel film “Baaria” , ha consacrato ancora una volta una straordinaria capacità comunicativa, dando un valore aggiunto alla pellicola di Giuseppe Tornatore”. E' il commento di Carlo Alemi Presidente del Tribunale di Napoli.

 

“Aurelio De Laurentiis ha riportato il sano valore dello sport nella città orfana di una squadra che la rappresentasse a pieno titolo tra i grandi club italiani. Ha saputo rivalutare il costo del calcio senza sprechi, con investimenti e ponderatezza di spesa. Investendo nei giovani talenti. Ha saputo dare una nuova immagine del Calcio a Napoli senza compromessi con le frange del tifo violento. Se dai difficili giorni del fallimento costato la serie C si è arrivati all'Europa, lo si deve ad Aurelio De Laurentiis e ai suoi ragazzi”.  È il parere del Procuratore della Repubblica a Napoli Giandomenico Lepore

 

“Catello e Maria Celentano riceveranno una menzione speciale per la speranza sempre viva, di ritrovare la piccola Angela, scomparsa nel lontano 1996. La loro caparbietà è di esempio per i tanti genitori delle centinaia di bambini scomparsi in Italia su cui sono in corso indagini Non si tratta di un vero e proprio premio, ma un segno, per non dimenticare”. Lo dice Franco Roberti Procuratore capo della Repubblica a Salerno

 

“Vincenzo Galgano lascia la toga dopo 40 anni spesi in favore della Giustizia toccando il vertice della carriera Giudiziaria. I dissidi e le polemiche a mezzo stampa, non intaccano un rapporto di stima nei confronti di chi come Vincenzo Galgano ha posto all'attenzione dell'opinione pubblica, spesso senza troppi giri di parole, i problemi che attanagliano Napoli e la Campania. Con il coordinamento anti abusivismo da lui diretto, è stato portato all'attenzione della cronaca nazionale, il problema tristemente vivo del cemento illegale alla base di tragedie e deturpazioni ambientali.  Non è stato solo uomo di Giustizia, ma ha saputo leggere il codice e applicarlo anche con profonda umanità: di ciò penso di poterlo ringrazia a nome di tutti i magistrati”. E' quanto dichiarato dal Procuratore Generale di Salerno Lucio Di Pietro.

 

Le motivazioni ufficiali e complete del Premio Nazionale Arycanda - 10^ edizione -  saranno lette  giovedì 8 luglio 2010 con inizio alle ore 19,00 alla presenza di tutti i premiati.

 

Circa 800 persone tra iscritti ad Arycanda ed Arycanda G (sezione dei giovani)  si ritroveranno al Real Casa di Carditello per la consegna dei riconoscimenti ai premiati. A quasi due anni dalla nascita di Arycanda G, cresce il ruolo dei giovani ormai a quota 300 iscritti e che non faranno mancare il loro apporto nella serata che segna la conclusione dell'anno associativo.

 

L’evento si chiuderà con un particolare spettacolo di fuochi d’artificio,dedicato alla Campania.

I giochi di luce a ritmo di musica infiammeranno la Real Casa di Carditello, accendendo di colori la  terra di Gomorra spesso dipinta di grigio. Ad orchestrare luci e suoni sarà il Campione Mondiale di Pirotecnica musicale Alfredo Vaccalluzzo di Catania.

 

—————

Indietro